TORNA ALLA HOME-PAGE





 
      chi siamo  |   contattaci
SPLENDIDO ALTO ADIGE!!! Bolzano e Castel Roncolo, Merano e il Castello Trauttmansdorf, Val d'Ega, Lago di Carezza, Canazei e Selva di Val Gardena, Bressanone e l'Abbazia di Novacella, l'Altopiano del Renon

4 GIORNI
19 aprile 2019 - 22 aprile 2019

Programma

19/04/2019 – PARTENZA / MERANO / CASTELLO TRAUTTMANSDORF
Appuntamento dei partecipanti alle ore 00:30. Incontro con il pullman e partenza alla volta di MERANO. Arrivo, incontro con la guida e giornata dedicata alle visite. Il fascino indiscutibile di Merano deriva dai suoi meravigliosi contrasti. Il clima favorevole, ad esempio, grazie al quale nel secolo scorso è stata definita “città di cura” dalla nobiltà mitteleuropea e che consente a piante mediterranee come le palme di crescere prosperose, convive pacificamente con le temperature delle montagne circostanti che in inverno si imbiancano, trasformandosi in comprensori sciistici facilissimi da raggiungere. Il centro, da scoprire passeggiando, alterna edifici liberty, come il Kurhaus, a costruzioni contemporanee come quelle in Piazza Terme, vicoli e porticati pregni di storia dove fare shopping a palazzi ristrutturati che all’interno ospitano gallerie d’arte o interessanti musei. Merano è una città attiva, per chi ama eventi e sport, con infinite opportunità per ogni passione, ma è anche un “paradiso slow”, con le Terme, le numerose passeggiate, i caffè e le pasticcerie con i prelibati, irrinunciabili dolci. L’offerta gastronomica spazia dai ristoranti stellati alle malghe contadine, dalla cucina tradizionale a quella internazionale. Anche se, a colpo d’occhio, quel che più sorprende di Merano è la natura che domina nel pieno centro della città, con il Passirio che l’attraversa, i giardini che la costellano e le montagne che l’abbracciano. Giovani o vecchi, appassionati di botanica o gente comune: i Giardini di Castel Trauttmansdorff affascinano chiunque con l'incantevole intreccio fra natura, cultura e arte. Svariate stazioni multisensoriali, suggestivi giardini a tema, padiglioni artistici ed esemplari del regno animale fanno dei Giardini di Castel Trauttmansdorff, una realtà quanto mai variegata e affascinante. Al centro dei giardini si erge il castello che il conte Trauttmansdorff, verso il 1850, fece ricostruire su antiche rovine medievali. L’imperatrice Sissi vi trascorse due soggiorni di cura invernali. In serata, sistemazione in Hotel nei dintorni, cena e pernottamento.

20/04/2019 – BOLZANO / ALTOPIANO DEL RENON / CASTEL RONCOLO
Prima colazione in Hotel Intera giornata dedicata alle visite con guida. BOLZANO: è il capoluogo della provincia a autonoma dell’Alto Adige; il suo vecchio nucleo è costituito dal Duomo in stile gotico, dalla stretta e rettilinea via dei Portici, fiancheggiata dalle tipiche case a portici e dalla Piazza delle Erbe che, cinta da caratteristici palazzetti, è il luogo del mercato. CASTEL RONCOLO, il maniero illustrato. Già il sentiero che conduce al castello e che il visitatore deve risalire a piedi, evoca l'epoca medievale. È certo il più splendido dei 40 castelli disseminati nella conca di Bolzano. Edificato nel 1237, è stato più volte ampliato e restaurato e conserva splendidi affreschi che narrano scene di vita cortese, episodi di caccia, tornei cavallereschi e momenti di vita quotidiana, nonchè rappresentazioni delle avventure di Tristano e Isotta. Trattasi del ciclo di affreschi a soggetto profano più grande e meglio conservato del Medioevo. Salita in funivia verso l’ALTOPIANO DEL RENON. Nel cuore dell’Alto Adige, al di sopra del capoluogo della provincia di Bolzano, si estende l’Altipiano del Renon: ben 15 paesi, dai dolci vigneti a valle fino alle vette più alte della catena alpina, offrono svago, cultura e natura da vivere e assaporare. Respirate i grandi spazi che si affacciano su uno dei più bei panorami al mondo. Grazie alla locazione particolarmente soleggiata, questa zona gode di un clima mite d’inverno, mentre l’altitudine media di 1.000 metri al di sopra del livello del mare è ideale per sfuggire alle calde estati cittadine, sicuramente qui si trova il più bel panorama delle Dolomiti patrimonio naturale Unesco. Partenza con lo storico “Trenino del Renon”, inaugurato nel 1907, il trenino a cremagliera del Renon fu uno degli eventi più importanti dell’epoca poiché si riusciva finalmente a raggiungere il capoluogo bolzanino in soli 90 minuti. Visita delle “piramidi di terra del Renon”: rappresentano uno dei più singolari fenomeni geologici diffusi nella provincia di Bolzano. Le loro origini derivano dall’epoca glaciale, periodo in cui la forza esercitata dai ghiacciai causò l’assottigliarsi della roccia, dando vita a lunghe colonne verticali. Esse sono dette “piramidi” e alla loro estremità vi è un masso, spesso definito “cappello” che le protegge dall'erosione. Il loro aspetto, in continua evoluzione, subisce infatti l’influenza costante dei fenomeni atmosferici (pioggia e vento) che favoriscono non solo l’assottigliarsi della piramide ma, con il passare degli anni, il crollo completo, poiché incapaci di sopportare il peso del masso alla loro estremità. Cena e pernottamento in Hotel
21/04/2019 – VAL D’EGA / LAGO DI CAREZZA / CANAZEI / SELVA DI VAL GARDENA
Prima colazione in Hotel. Partenza per VAL D’EGA. La Val d'Ega con i suoi paesi ben esposti al sole, Nova Ponente, Obereggen, Ega, Monte San Pietro, Nova Levante, Carezza e Collepietra è un vero paradiso per chi ama passeggiare lungo i tanti chilometri di stradine e sentieri ottimamente segnalati: dalle gite facili o di media difficoltà attraverso ampi prati in fiore, boschi rinfrescanti e malghe verdi si passa alle più difficili escursioni sulle vie ferrate in alta montagna. LAGO DI CAREZZA: In Val d’Ega, a 6 km di distanza da Nova Levante, si trova un lago alpino con acqua smeralda che grazie ai colori riflessi nella luce del sole viene chiamato anche “Lago dell’Arcobaleno”. Una leggenda racconta che una meravigliosa sirenetta viveva nelle profondità del Lago di Carezza (Karersee), della quale si innamorò il mago Masarè. Per conquistare il suo amore, la strega Lanwerda consigliò al mago di travestirsi da venditore di gioielli e di creare con questi un arcobaleno dal Catinaccio fino al Latemar. Al mago piacque l’idea e fece sì che l’arcobaleno splendesse nei suoi magnifici colori. Ma dimenticò di travestirsi. La sirenetta lo vide quindi e da quel momento in poi sommerse per sempre nel lago e non si fece più vedere. Il mago fu così infuriato, che buttò tutti i gioielli e pezzi dell’arcobaleno nel lago. E proprio per questo, ancora oggi il Lago di Carezza brilla magicamente in tutti i colori dell’arcobaleno. CANAZEI: è senza dubbio uno dei “paesi gioiello” della provincia di Trento, situato in una magnifica conca verdeggiante all’estremità settentrionale della Val di Fassa. Tracce della sua esclusività e della sua storia antica si possono notare sin da subito sia nell’architettura sia ascoltando le conversazioni della gente del posto. SELVA DI VAL GARDENA: Il paese più alto della Val Gardena. Il pittoresco villaggio di Selva si trova direttamente sotto il massiccio del Sella, il massiccio a forma di altipiano che sembra sostenere il cielo. Gli evidenti contrasti si combinano in un'armonia che ogni anno attira innumerevoli visitatori in Val Gardena: La modernità incontra la vita di campagna, lo sport incontra il relax ed un'infrastruttura perfetta si adatta a prati e sentieri paesaggistici. si trova al centro di un paesaggio incantevole: circondata dalle catene montuose delle Dolomiti, patrimonio mondiale dell'UNESCO, Selva di Val Gardena si trova in una valle bellissima. Al termine delle visite rientro in hotel, cena e pernottamento.

22/04/2019 – BRESSANONE / ABBAZIA DI NOVACELLA / RIENTRO
Colazione in hotel e partenza per BRESSANONE. La città nasconde tesori di tutti gli stili: gotici e del rinascimento, barocco, rococò, Biedermeier, come anche del classicismo e stile liberty. E’ la simbiosi perfetta tra il fascino della città più antica del Tirolo con i suoi vicoli pittoreschi e il suo centro storico pieno di vita, i romantici paesi che la circondano e la Plose, montagna che vi conquisterà sicuramente. Il punto d'incontro degli ospiti appassionati di cultura è il centro storico con gli incantevoli portici e le strette viuzze. Numerose chiese e cappelle, in primo luogo il Duomo e il Palazzo Vescovile, testimoniano ancora oggi l'importanza storica della città. Direttamente davanti alle porte del Duomo si trova il cuore dinamico della città, che ostenta i lati migliori: negozi, bar e tipici ristoranti. L’ABBAZIA DI NOVACELLA è una delle opere più significative di tutta la Valle Isarco e comprende il Castello dell’Angelo, la chiesa conventuale tardo barocca, il chiostro gotico, il Pozzo delle Meraviglie, la biblioteca con manoscritti storici unici e la pinacoteca storica. Il complesso conventuale dell’Abbazia di Novacella, tuttora uno dei maggiori del Tirolo, conteneva una collegiata romanica che nel 1742 venne ristrutturata in stile barocco. Davvero unica è la costruzione tondeggiante della Cappella di San Michele, detta “Castello dell'Angelo", un tempo ospizio e baluardo difensivo dell’Abbazia di Novacella. Nel chiostro gotico si possono ammirare importanti affreschi, mentre sulla fontana del cortile interno sono rappresentate le meraviglie del mondo: l'ottava è proprio l'Abbazia di Novacella. Attirano i visitatori anche la bellezza unica della biblioteca dell'abbazia, in stile rococò, nonché le tele medievali della pinacoteca eseguite da eccellenti maestri, quali Marx Reichlich e Michael e Friedrich Pacher. Il Muro dei Turchi è stato testimone di epoche movimentate. Mulini, impianti idraulici e cantine dimostrano, al contrario, l'importanza assunta dall'Abbazia di Novacella nell'economia del territorio. Attorno all'Abbazia di Novacella si trovano i vigneti più settentrionali dell'Alto Adige che producono famosi vini bianchi, come il Sylvaner, il Müller Thurgau e il Kerner. Al termine Inizio del viaggio di ritorno. Sosta per la cena libera. Arrivo. Fine dei servizi.

QUOTA INDIVIDUALE DI PARTECIPAZIONE: (Min. 40 Pax) € 420,00

LA QUOTA COMPRENDE: Viaggio in pullman gran turismo - Sistemazione in Hotel 3 stelle in camere a 2 letti con servizi privati - Trattamento di mezza pensione dalla cena del 19/4 alla prima colazione del 22/4 – Bevande ai pasti – Biglietto per la funivia e il Trenino del Renon - Guida per tutte le visite, come da programma – Capogruppo

LA QUOTA NON COMPRENDE: Gli ingressi nei musei e nei luoghi di visita – I pranzi e la cena del 3/6 – Tassa di soggiorno, se prevista, da pagare in loco - Tutto quanto non indicato alla voce "la quota comprende".

Supplemento camera singola: € 60,00

QUOTA DI ISCRIZIONE: € 20,00 (include assicurazione medica, bagaglio e annullamento)


NON SONO PRESENTI ULTERIORI IMMAGINI PER QUESTO VIAGGIO

 







       newsletter
nome utente
password

       informazioni utili











       Ospitalità italiana
© 2008 C.M. viaggi S.r.l. Tutti i diritti riservati - Partita IVA 00661560433
IBAN IT67T0311113474000000005526 - UBI Banca S.p.A. - Filiale di Macerata
        note legali   |   policy   |