TORNA ALLA HOME-PAGE





 
      chi siamo  |   contattaci
FERRARA "alla corte degli Estensi". Le meraviglie e la bellezza di una delle più importanti Capitali Europee del Rinascimento: la CATTEDRALE, IL PALAZZODEI DIAMANTI con la Pinacoteca Nazionale, CASA ROMEI, IL CASTELLO ESTENSE

1 GIORNO
3 marzo 2024
CONFERMATA


Descrizione

FERRARA è la città che ha visto il primo "piano Urbanistico moderno d'Europa", realizzato da Biagio Rossetti con una felicissima fusione tra nuovo e antico, unendo la trama della città medievale con il nuovo tracciato rinascimentale. Dal 1995, il centro storico di Ferrara è stato iscritto dall'UNESCO nella lista del Patrimonio Mondiale dell'Umanità. Un centro storico location naturale dei maggiori eventi culturali cittadini, ormai divenuti il tratto distintivo di questa città nel mondo. Ferrara è una città da “gustare”, in senso letterale, scoprendo i prodotti della sua secolare gastronomia, una città che vale il biglietto, da visitare con calma e lentezza. Ferrara è stata un importante centro medioevale e una delle corti più sfarzose del Rinascimento. Una città straordinaria, dove il fascino e l'atmosfera del suo glorioso passato si sono conservati nel tempo in armonia con la vivacità culturale del presente.

La CATTEDRALE: meravigliosa opera architettonica nel centro della città fu costruita a partire dal XII secolo; nella sua struttura ha la particolarità di racchiudere insieme tutti gli stili e le epoche storiche attraversate dalla città di Ferrara, a partire dalla facciata con la sua particolare struttura a tre cuspidi fu iniziata in stile romanico tutt'oggi presente nella parte inferiore,la parte superiore iniziata alcuni decenni dopo è in stile gotico dove sopra la loggia centrale si rimane affascinati da uno stupendo Giudizio Universale di cui non si conosce il nome dell'artista,di suggestiva bellezza il campanile è completamente costruito in marmo rosa e bianco in stile rinascimentale. Di particolare fascino il S. Giorgio e le scene del Nuovo Testamento poste sopra la porta centrale.

PALAZZO DIAMANTI: si trova al centro dell’Addizione Erculea, sull’importante incrocio chiamato "Quadrivio degli Angeli" ed era la residenza di Sigismondo d’Este. Più di 8000 bugne, a forma di piramide o di “diamante”, in marmo bianco e rosa, ne coprono le due facciate, dandogli il nome. L’architetto Biagio Rossetti ne fece un capolavoro urbanistico. Ospitata al piano nobile di Palazzo dei Diamanti, nelle sale comprendenti il magnifico salone d’onore e l’appartamento cinquecentesco di Virginia de’ Medici, la Pinacoteca Nazionale di Ferrara offre una significativa rassegna della pittura a Ferrara dal Due al Settecento: dai grandi cicli di affreschi medievali , alle tele seicentesche dello Scarsellino, di Carlo Bononi e del Guercino, fino ai bozzetti dei Gandolfi e dei Crespi. Notevole è la raccolta di dipinti del Quattrocento, dai preziosi maestri del tardogotico a Cosmè Tura, Ercole de’ Roberti e gli altri artefici dell’Officina ferrarese, cui si affiancano artisti forestieri come Gentile da Fabriano, Mantegna e Carpaccio. È parte delle collezioni fin dall’istituzione della Pinacoteca nel 1836 la serie di pale d’altare del Cinquecento provenienti dalle chiese cittadine, fra cui numerose opere di Garofalo, l’imponente Polittico Costabili eseguito in collaborazione con il giorgionesco Dosso Dossi e i drammatici dipinti del Bastianino, con i quali si chiude l’epoca estense a Ferrara

CASA ROMEI: fu costruita dal mercante Giovanni Romei circa alla metà del XV secolo e fu ingrandita e abbellita in occasione delle sue nozze con Polissena d'Este. Il cortile dai modi tardogotici e le decorazioni fiorite, la Sala delle Sibille e dei Profeti, i soffitti lignei e le volte affrescate e l’"Alcova"; costituiscono un corpus artistico unico a Ferrara. Posteriori le grottesche che ornano le Sale al primo piano, quando la casa faceva parte del complesso conventuale del Corpus Domini. Acquisita al demanio dello Stato nel 1898, Casa Romei divenne un vero e proprio Museo, accogliendo raccolte di affreschi staccati, sculture e decorazioni .Al valore straordinario dell’architettura e dei suoi apparati si affianca pertanto l’interesse delle raccolte d’arte in essa ospitata. I nomi di importanti artisti come Donatello, Francesco Dal Cossa, Gregorio di Lorenzo, Bastianino, Alfonso Lombardi, riecheggiano nelle sale del Museo e contribuiscono ad aumentare il fascino di un sito unico ed eccezionalmente affascinante.

Il Castello Estense, simbolo di Ferrara, venne edificato nel 1385 come strumento di controllo politico e militare per volere del marchese Nicolò II d’Este su progetto di Bartolino da Novara. Divenuto la residenza degli Estensi, una delle più prestigiose famiglie dell’epoca rinascimentale, subì una serie di modifiche che lo trasformarono in una sfarzosa dimora di corte, ricca di collezioni importanti per valore e consistenza (dipinti, arazzi, raffinati oggetti, codici miniati, monete, armi). Dotato di quattro potenti torri riunite in quadrilatero da voluminosi corpi di fabbrica, circondato da un ampio fossato e difeso da avancorpi e rivellini collegati con ponti levatoi, il Castello Estense costituisce oggi un raro esempio architettonico e nel contempo una ricca attrattiva storica per i visitatori. Il museo del Castello, allestito dall’architetto Gae Aulenti, offre un percorso narrativo che consente di approfondire la conoscenza dell’edificio, dalle cupe prigioni agli splendori dei Saloni affrescati, della storia degli Estensi e dei vari poteri che l’hanno utilizzato, della città di Ferrara e del suo territorio, riconosciuti dall’UNESCO Patrimonio dell’Umanità.

Programma

Appuntamento dei partecipanti alle ore 06:00. Incontro con il pullman e partenza alla volta di FERRARA. Sosta lungo il percorso per ristoro. Arrivo, incontro con la guida e visita della città intera giornata. Pranzo libero. Verso le 18:00 partenza per il rientro. Sosta per la cena libera.

QUOTA INDIVIDUALE DI PARTECIPAZIONE: (Min. 40 Pax) € 80,00

LA QUOTA COMPRENDE: Viaggio in pullman gran turismo – Guida per l’intera giornata – Capogruppo.

LA QUOTA NON COMPRENDE: I pasti –Tutto quanto non espressamente indicato alla voce “La quota comprende”

INGRESSI: PINACOTECA NAZIONALE, CASA DEI ROMEI, musei statali, gratuiti, prima domenica del mese – CASTELLO ESTENSE € 10,00.



 



       newsletter
nome utente
password

       informazioni utili





       Ospitalità italiana
© 2008 C.M. viaggi S.r.l. Tutti i diritti riservati - Partita IVA 00661560433
IBAN IT13R0306913408100000002612 - Intesa Sanpaolo - Filiale di Macerata
        note legali   |   policy   |